come incontrare persone nuove Pagina Attualità

luoghi di incontro giovanili

Ieri sera, intorno alle 22:00, un bambino di 10 anni è precipitato dal balcone di un'abita...
Aversa: bambino cade dal balcone, salvo per miracolo

annunci per adulti ancona jesi

Ieri, il GIP del Tribunale di Napoli Nord di Aversa ha condannato a 3 anni e 3 mesi un 19e...
Aversa: commerciante picchiato a sangue, condannato 19enne nigeriano

incontrare nuove persone gratis

I Carabinieri di San Cipriano d’Aversa hanno dato esecuzione all’ordinanza di applicazione...
San Cipriano d’Aversa: perseguita la compagna, arrestato 53enne

annunci per adulti ancona zadar

Il tribunale di Napoli Nord ha emesso cinque ordinanze di custodia cautelare per altrettan...
Tangenti per porti d'arma, cinque arresti. In galera anche un avvocato di Parete

siti di incontro seri gratis annunci per adulti ancona zara

healthy responsible singles and friends siti incontro seri gratis pallone

hiking group for singles and friends siti di incontro seri e gratuiti Sta facendo discutere la vicenda di un imprenditore che ha acquistato quote di minoranza del Mantova Calcio, società che si trova in grosse difficoltà e non ha ancora regolarizzato l'iscrizione alla Lega Pro. L'uomo è al centro delle polemiche perché in altri settori non sportivi è in affari la sorella del boss Antonio Iovine (“O'Ninno) e con il marito della donna. In particolare A.P. risulta socio di Anna Iovine in due aziende, una con sede a Santa Maria Capua Vetere e l'altra a Gricignano d'Aversa e con il cognato del boss in altrettante aziende che hanno sede negli stessi comuni. Quando la notizia si è diffusa ha reso incandescente il clima a Mantova, tanto che il socio che aveva ceduto le azioni, Andrea Barberis, ha comunicato ufficialmente che presto farà in modo di riprendersele. Il caso è diventato anche politico il deputato Pd Marco Carra ha scritto una lettera al Ministro dello Sport Lotti, il deputato del Movimento Cinque Stelle Luigi Gaetti (vice presidente della Commissione Antimafia) ha chiesto l'intervento della Figc. A quanto pare le regole attuali non consentono controlli ai detentori di quote di società calcistiche inferiori al 10%.