jewish singles over 50 Pagina Attualità

top 10 best selling singles in the world

Ieri pomeriggio Ciro Bazzicalupo di Aversa, agente della polizia penitenziaria, ha salvato...
Agente eroe di Aversa salva 53enne che tenta il suicidio, lanciandosi nel Volturno

dating site for christian singles in south africa

Martedì mattina, un uomo è stato trovato morto, impiccato con una corda nel camposanto di...
Giallo a Napoli: giuglianese trovato impiccato nel cimitero di Poggioreale

dating sites for singles over 40

Ieri mattina i carabinieri e gli agenti della polizia di Sant’Antimo hanno fatto incursion...
Sant’Antimo: blitz nelle case degli immigrati. Carabinieri e polizia cercano Rosa Di Domenico

dating sites for singles south africa

Lunedì Antonio Iovine detto "O' Ninno", avrebbe dovuto deporre al processo in cui è imputa...
L'ombra del Clan dei Casalesi sul cimitero di Aversa

canadian singles dating site canada singles dating site

online dating for singles over 40 canadian singles dating sites pallone

dating site for singles in usa athletic singles dating sites canada Sta facendo discutere la vicenda di un imprenditore che ha acquistato quote di minoranza del Mantova Calcio, società che si trova in grosse difficoltà e non ha ancora regolarizzato l'iscrizione alla Lega Pro. L'uomo è al centro delle polemiche perché in altri settori non sportivi è in affari la sorella del boss Antonio Iovine (“O'Ninno) e con il marito della donna. In particolare A.P. risulta socio di Anna Iovine in due aziende, una con sede a Santa Maria Capua Vetere e l'altra a Gricignano d'Aversa e con il cognato del boss in altrettante aziende che hanno sede negli stessi comuni. Quando la notizia si è diffusa ha reso incandescente il clima a Mantova, tanto che il socio che aveva ceduto le azioni, Andrea Barberis, ha comunicato ufficialmente che presto farà in modo di riprendersele. Il caso è diventato anche politico il deputato Pd Marco Carra ha scritto una lettera al Ministro dello Sport Lotti, il deputato del Movimento Cinque Stelle Luigi Gaetti (vice presidente della Commissione Antimafia) ha chiesto l'intervento della Figc. A quanto pare le regole attuali non consentono controlli ai detentori di quote di società calcistiche inferiori al 10%.